Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

9. Dicono del Film ''Dogville''icona indice


Critica Italiana: [1]

  • Roberto Nepoti da Repubblica del 20 Maggio 2003: «Il film e diviso in nove capitoli e un prologo, come un romanzo, e raccontato dalla voce di un narratore onnisciente. Forse sono gli strumenti linguistici di un nuovo corso, che Lars chiama 'cinema fusionale' (cinema + teatro + letteratura), perfettamente funzionali alla realizzazione di un'atroce, magnifica parabola sui rapporti sociali. [...] Un film da Palma d'oro, dove Von Trier sfrutta al meglio il talento della Kidman: mostrare un viso d'angelo, facendo affiorare per gradi tutta la ferocia del personaggio»
  • Fabio Ferzetti da Il Messaggero del 20 Maggio 2003: «La grandezza di 'Dogville' sta anche nella sapienza dello script, nel cast, nella scelta di girare in Danimarca ma in inglese. Perche un paese e la sua lingua e c'e più America in Lauren Bacall, Ben Gazzara, James Caan, Chloe Sevigny, che in tutte le Montagne Rocciose.Dopo tutto, l'America e anche un luogo dell'anima. Il luogo in cui, oggi, i meccanismi del Potere sono più macroscopici. E riproducibili.»
  • Gian Luigi Rondi da Il Tempo del 7 Novembre 2003: «[...] se questa azione si segue (spesso a fatica), lo si deve non tanto ai suoi snodi narrativi, statici, verbosi e prolissi, ma ai modi di regia con cui Lars von Trier l'ha, alla lettera, portata in scena. Composizioni figurative perfette, luci suggestive, quel nulla in palcoscenico che si fa vita reale, anche se dimentica il cinema. Grace e una Nicole Kidman ormai grande attrice. Con comprimari celebri al suo fianco, americani e scandinavi.»
  • Lietta Tornabuoni da la Stampa del 7 Novembre 2003: «Lars Von Trier ha fatto con Nicole Kidman bravissima un film molto bello e un poco difficile. [...] Lo stile e quello drammatico delle opere di Brecht-Weill; distanza e distacco cancellano ogni emotivita, commozione o sentimentalismo; secondo l'autore si tratta di 'cinema fusionale' che condensa teatro, letteratura, film. Ma potrebbe anche essere una parabola sul destino degli immigrati del Terzo Mondo in Europa: prima accolti con dimostrativo altruismo, poi sfruttati sul lavoro, poi maltrattati tanto da suscitare una aggressiva rivolta»
  • Alberto Crespi da L'Unità del 7 Novembre 2003: «qualcuno, convinto che Von Trier abbia inventato il cinema, l'amera: qualcuno l'odiera, irritandosi per le trovate a effetto del danese; e qualcuno (fra i quali chi scrive) si collochera nel mezzo, in una gelida indifferenza. [...]»

    Compra il DVD o il Blu-Ray del Film

  • Tullio Kezich da Corriere della Sera del 8 Novembre 2003: «La suggestione nasce dallo stile (inquadrature, illuminazione, montaggio) e dalla presenza di attori che andrebbero elogiati uno per uno. Il sentimento che pervade la finta tragedia americana e di un pessimismo agghiacciante.»

 

Critica Estera: [2]

  • Roger Moore da Orlando Sentinel del 28 Maggio 2004: «Fascinating for a while but, in the end, just sleep-inducing.»
  • Peter Rainer dal New York Mazine del 7 Agosto 2004: «There's nothing static about [Von Trier's] technique, but everything else about the movie is dreary and closed off.»
  • Joe Baltake da Sacramento Bee del 23 Aprile 2004: «Singular and unforgettable -- the work of a brilliant crackpot.»
  • Andrew Sarris dal New York Oberserver del 22 Aprile 2004: «You just have to see it to believe it. Frankly, I have never seen anything like it, which is not to say that it's good or bad, but it is different and even original.»
  • David Denby dal New Yorker del 1 Agosto 2004: «What Lars von Trier has achieved is avant-gardism for idiots.»

Compra il DVD o il Blu-Ray del Film

COMMENTA questa Recensione del film ''Dogville''icona indice


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.



Avatar di Alice _cult89
Alice _cult89 ha risposto alla discussione #182 9 Anni 2 Mesi fa
Strano è l'aggettivo che meglio gli si addice per un film nato dalla sapiente maetria di un regista come Von Trier in grado di creare una trama degna di un film e tutto questo a teatro su di un palcoscenico. Film forse un po' troppo lungo, che riesce però senz'altro a stupire.