Valutazione attuale: 4 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella inattiva
 

Locandina Manifesto del film ''Midnight in Paris''Film ''Midnight in Paris'':

Info Generali:


Valutazione: 3,67 stelle su 5;

Titolo Originale: Midnight in Paris;

Pronuncia del Titolo: "Midnait in Peris";

Titolo Italiano: Midnight in Paris;

Genere: Commedia, sentimentale;

Anno: 2011;

Uscita in America: 20 Maggio 2011;

Uscita in Italia: 2 Dicembre 2011;

Durata: 100 minuti;

Regia: Woody Allen;

Sceneggiatura: Woody Allen;

Attori Principali:

  • Corey Stoll (35anni*) interpreta Hernest Hemingway;
  • Kathy Bates (63anni*) interpreta Gertrude Stein;
  • Marion Cotillard (36anni*) interpreta Adriana;
  • Owen Wilson (43anni*) interpreta Gil;
  • Rachel McAdams (33anni*) interpreta Inez;

* Età degli attori quando hanno girato il film ''Midnight in Paris''.

""Maggiori Info"" (Musiche, Montaggio, etc.) >>

1.a. Trama del film ''Midnight in Paris''icona indice


Gil (Owen Wilson) uno sceneggiatore comico di Hollywood ed aspirante scrittore, è in vacanza a Parigi con la futura moglie Inez (Rachel McAdams) e i suoceri.

Da sempre ammaliato da questa stupenda città, ne viene letteralmente incantato grazie ad una magia che ogni giorno a mezzanotte lo trasporta nel passato e precisamente negli anni ’20, quando la Ville Lumiêre ospitava nei suoi salotti bohemiennes gli artisti più famosi del panorama mondiale (Hemingway, Dalì, Picasso, ecc).

 

 

1.b. Il film ''Midnight in Paris'' è consigliato a...


A chiunque voglia passare un'ora e mezza circa nella Ville Lumiere, perché seduti comodamente sulla poltrona, potrete viaggiare e conoscere i luoghi più segreti e le persone più bizzarre della Parigi bohemienne anni '20. Consigliato ad un pubblico che ama la cultura, l'arte e la letteratura, da vedere con una luce soffusa che dona ancor più magia alla pellicola.

Consigliato perché: grazie all'atmosfera anni '20, per qualche ora si può far finta di viaggiare nel tempo.

Non consigliato perché: non vi è nessuno motivo per non consigliarlo.

 

 

Note del Film ''Midnight in Paris''icona indice


  1. Rassegna Stampa di MoviePlayer
  2. Rassegna Stampa di Rotten Tomatoes
  3. IMDB

COMMENTA questa Recensione del film ''Midnight in Paris''icona indice


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.



Avatar di sary_cult
sary_cult ha risposto alla discussione #129 8 Anni 3 Mesi fa
Amo il genio di Woody Allen e lo amo ancora di più quando se ne esce con pellicole e sceneggiature di questo tipo! Midnight in Paris è sicuramente il film più bello dell'ultimo Allen dai tempi di Match Point. L'idea stupenda di portare uno scrittore a conoscere gli autori che hanno fatto la storia della letteratura e far aprire questa porta magica nella città più suggestiva del mondo come Parigi è stata una grandissima idea. Film che vedrei e rivedrei. Per la serie "difendiamo Adrien Brody" appare pochissimo nel suo ruolo di Salvador Dalì, ma lascia il segno.
Avatar di admingat
admingat ha risposto alla discussione #597 7 Anni 9 Mesi fa
Nel film di Woody Allen, Owen Wilson (Gil) recita come fosse Woody Allen stesso, con i suoi "si si, no no", la sua insicurezza, i suoi vaneggiamenti, e le sue contorte macchinazioni celebrali che l'hanno reso celebre e che invece vedono Owen Wilson per la prima volta in tale veste.
Un film molto positivo sia nella trama (una piacevole idea), che nei costumi, che - ovviamente - nella sceneggiatura (che difatti ha vinto anche il Premio Oscar).
Non ritengo questo uno dei migliori film di Woody Allen, ma di sicuro è un buon film e fa passare una piacevole serata portando nelle menti degli astanti la riflessione su il comprendere che il desiderio di un "glorioso passato ormai perduto" è un'aspirazione ricorrente nell'animo umano, a prescindere dall'epoca in cui si sta, e ciò fa sì che la vera felicità sta NON nel guardare nostalgicamente a un romantico passato, MA piuttosto accettare "la banalità e l'insoddisfazione del presente"...