Valutazione attuale: 3 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella inattivaStella inattiva
 

5. Recensione del film ''Quell'idiota di nostro fratello''icona indice


{extravote 1}Il ritratto di Gesù Cristo, questo è Ned, il protagonista della commedia politically correct approdata sugli schermi con qualche mese di ritardo rispetto all'America.

Un film che è stato presentato al Sundance Film Festival e che mostra la sua natura indie, un po' tipica dei film indipendenti.

Con tutta quella barba e quei capelli, Ned ci ricorda senza ombra di dubbio proprio il Salvatore, chiaramente in una veste ultra moderna (buono si, ma è stato arrestato per spaccio di maryuana!), ma quello sarà il suo ruolo nella vita delle tre sorelle.

Inizialmente entra nella loro sfera quotidiana sconvolgendo le loro abitudini e facendo spesso il terzo incomodo, poi alla fine tutte si accorgeranno come sia uno degli elementi più importanti per loro.

Idiota non lo è proprio per niente, anzi, questo è un aggettivo che potrebbe essere attribuito alle tre sorelle: Liz, la più vecchia, madre di due bambini, non si rende conto che il marito la tradisce e nemmeno quando le sorelle glielo faranno presente, lei vorrà ammetterlo, Miranda troppo impegnata con la carriera non si accorgerà di trascurare il suo migliore amico e possibile fidanzato, ed infine Natalie, lesbica innamorata, ma per un tragico scherzo del destino messa incinta da un giovane ed affascinante pittore.

Compra il DVD o il Blu-Ray del Film

"E' buono come il pane" non c'è frase più adatta per descrivere Ned, perché è il suo fidarsi delle persone indipendentemente da sesso, religione o status sociale che lo contraddistingue, ed è spesso questo che lo fa sembrare un idiota. Il suo stile di vita così semplice, benevolo ed altruista definiscono la sua personalità ed è così che un po' tutti dovremmo cercare di essere.

Una commedia americana dove tutto è ben equilibrato, come la vita stessa del protagonista, che mai si sospinge verso la volgarità e quando lo fa (dicendo alcune parolacce) è a causa delle sorelle che lo portano all'esasperazione.

Il regista è riuscito nell'intento di portare sullo schermo i valori importanti della vita che tutti abbiamo un po' perso come la famiglia, l'amore e la fiducia nell'altro, il tutto grazie ad un cast ben amalgamato, con un Paul Rudd nell'atipica caratterizzazione di un moderno hippie poco anticonformista, bene Elizabeth Banks nel ruolo della nevrotica e vanitosa Miranda, mentre Zoey Deschanel da l'idea che più di interpretare un ruolo interpreti se stessa e altrettanto per Emily Mortimer, sempre tristemente espressiva, stile desperate housiwife... ma non una di quella di Wisteria Lane!

COMMENTA questa Recensione del film ''Quell'idiota di nostro fratello''icona indice


«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.



Avatar di sary_cult
sary_cult ha risposto alla discussione #149 8 Anni 8 Mesi fa
Nonostante il titolo e nonostante io non sia fan di questo genere di commedie considerate demenziale, Quell'idiota di nostro fratello risulta tutto meno che demenziale, anzi. Diverte senza essere volgare e offre un messaggio e a volte da Ned bisognerebbe proprio imparare! Essere così ingenui in qualche caso farebbe bene a tutti.